Categories: Dal mondo

Coronavirus. Berlino vieta i deodoranti “ Se la puzza aumenta, aumenta l’utilizzo di mascherine”

La città di Berlino sta prendendo sul serio la lotta contro i temuti focolai di coronavirus. Per questo motivo, la società tedesca che gestisce i trasporti pubblici nella capitale tedesca, la BVG, ha lanciato una curiosa campagna. Ha deciso infatti di vietare l’uso del deodorante in metropolitana, autobus e tram. Il motivo? In questo modo Berlino vuole che i suoi cittadini indossino la mascherina correttamente quando usano i mezzi pubblici.

Evitando l’uso dei deodoranti, secondo quanto pensato dalla BVG, si creerà in automatico del cattivo odore, che di conseguenza inviterà anche i cittadini meno ligi alle regole a indossare il dispositivo correttamente, per non rimanere nauseati dalla puzza. La campagna arriva in un momento importante per la città tedesca, poiché berlinesi hanno gradualmente aumentato il loro afflusso sui trasporti pubblici.

Ciro Donaggio

Recent Posts

Operazione anti-camorra a Rimini: arresti e sequestri per 30 milioni delle Fiamme Gialle

Con 8 arresti e un obbligo di firma per associazione per delinquere aggravata dai metodi…

2 mesi ago

Recovery Fund, trattative in corso

Ancora nessun accordo. Dopo una lunga notte di consultazioni in vari formati fra i leader…

2 mesi ago

Coronavirus. Il bollettino: contagi in calo, solo 3 decessi

Nuovo bollettino del Ministero della Salute nell'ambito dell'emergenza Coronavirus. Sono 219 i nuovi casi, in…

2 mesi ago

Coronavirus: salgono contagi, i morti superano quota 35mila – il bollettino

Sono 230 i nuovi contagiati da Covid nelle ultime 24 ore in Italia, in aumento…

2 mesi ago

Sanremo 2021. Ufficiale la coppia Amadeus-Fiorello, cambiano le date

Il direttore di Rai Uno, Stefano Colletta, ha annunciato in occasione della presentazione dei nuovi…

2 mesi ago

Maturità 2020, i numeri: diploma per il 99.5% degli studenti

Il ministero dell'Istruzione ha diffuso i dati della Maturità 2020, quella, forse, più particolare di…

2 mesi ago